È il dubbio che scaturisce dai risultati di un grande  studio osservazionale danese pubblicato su Annals of  Internal Medicine.

Ma il professor Giorgio Sesti, presidente della Società Italiana di Medicina Interna (SIMI) getta acqua sul  fuoco: “È per ora solo un’osservazione, che andrà  confermata da ulteriori studi”.
 

FAND promuove la Campagna nazionale di screening sulla retinopatia diabetica “Apri gli occhi sul diabete”, che prevede visite oculistiche gratuite su prenotazione dedicate ai pazienti diabetici che non si siano sottoposti  a visite specialistiche oculistiche da tempo.

Sono oltre settanta le firme di accademici, scienziati, medici, ricercatori italiani, esperti a favore della pace nelle città dell’Ucraina, raccolte da Health City Institute, il think tank impegnato nella promozione della salute nelle città, partner del progetto internazionale Cities Changing Diabetes, che vede protagonista anche Kiev.

Lo chiedono le società scientifiche e le associazioni dei pazienti al Governo e al Coni con una lettera aperta indirizzata ai Ministri degli Interni, Luciana Lamorgese, della Difesa, Lorenzo Guerini, della Giustizia, Marta Cartabia, della Salute, Roberto Speranza, nonché al Sottosegretario di Stato con delega allo Sport Valentina Vezzali, ai Presidenti dell’Intergruppo Parlamentare Obesità e Diabete, Roberto Pella e Daniela Sbrollini, e al Presidente Coni, Giovanni Malagò.

Le avevano detto che non poteva fare la capostazione perché diabetica. La puntuale reazione della ragazza, Chiara, è stata quella di rivolgersi al giudice che le ha dato ragione. Si tratta di condotta di natura discriminatoria.

Sono 800 milioni nel mondo e 3,5 milioni in Italia le persone che rischiano di perdere il sorriso per infiammazione grave delle gengive, che si associa spesso ad altre patologie come diabete, ipertensione e cardiopatie.