Alimenti ed indice glicemico

L’indice glicemico di un alimento rappresenta la velocità con cui aumenta la glicemia in seguito all’assunzione di quell’alimento.

L’indice è espresso in termini percentuali rispetto alla velocità con cui la glicemia aumenta in seguito all’assunzione di un alimento di riferimento (che ha indice glicemico 100): un indice glicemico di 50 vuol dire che l’alimento innalza la glicemia con una velocità che è pari alla metà di quella dell’alimento di riferimento.

cereali, pane,carboidrati

 

Introduzione
 
Il calcolo dei carboidrati è un metodo di pianificazione del pasto che consente al paziente maggiore flessibilità e autonomia nella gestione della dieta. Esso si basa  sulla conta della quantità totale dei carboidrati consumati ai pasti o con gli spuntini.
Diabete 1 Alimentazione

La dieta per il diabete mellito tipo 1 è un aspetto molto importante per la prevenzione delle complicanze croniche dovute all'iperglicemia.

L'impennata glicemica dovrebbe essere, come nei soggetti sani, solo postprandiale. Tuttavia, se l'insulina è assente o insufficiente, la condizione di iperglicemia si protrae nel tempo, causando vari danni a: occhi, reni, sistema nervoso, sistema cardiovascolare e sistema neurovegetativo.

Diabete ed Alimentazione

La dieta per un diabetico di tipo 2 è essenziale per vari motivi:

ricerca
 
I ricercatori dell'Università di Newcastle in Australia hanno sviluppato il primo test della saliva per misurare la glicemia  nei pazienti diabetici , che potrebbe essere disponibile al pubblico nel 2023 e che potrebbe evitare alle  persone con il diabete di pungersi il dito  una o più volte al giorno.

funzione renale

Risultati promettenti nel preservare la funzione renale e rallentamento del declino del tasso di filtrazione glomerulare stimato (eGFR), indipendentemente dallo stato renale al basale dell’inibitore SGLT2 ertugliflozin in  pazienti con diabete di tipo 2 e malattia cardiovascolare aterosclerotica.